giovedì 31 agosto 2017

Atacama

Come il deserto di Atacama,
così io,
fiorisco senza saperlo.
La mia aridità, la mia terra secca, tutto ciò che ho fatto,
i miei errori, i miei silenzi, le mie parole stanche,
si colmano di te.
Mi hai aspettato,
la pioggia è qui,
tu lo sapevi.

Mi hai capito,
mi hai ascoltato.

La tempesta su di noi,
lasciamoci inondare,
amore,
perdiamo insieme.

Se mi hai ferito,
graffiando e aprendo solchi su di me,
ora l'acqua mi curerà.
E diventerò fango,
con te,
e sarò nuova.

Deserti in attesa del risveglio.
Per pochi giorni o per tutta la vita.
Per poche ore,
rivestimi di fiori, sarà per sempre.
Ore,
minuti,
per sempre.





Nessun commento:

Posta un commento