venerdì 26 febbraio 2016

Il tuo corpo era fatto di terra e silenzio

Sono in attesa di una tua risposta. Aspetto, contando i minuti.
Dimmi che verrai.
E che mi perdonerai.
Se ho pianto, come un bambino. Se ho avuto paura.
Tu sei la mia dolce tempesta.
Non posso vivere senza la tua pioggia
e il tuo vento.
Imparerò a dominare il mio furore.

Ho visto un bosco stanotte. Lì c'eri tu. 
Eri fatta di pelle e foglie,
i tuoi capelli si intrecciavano con l'edera
e il tuo corpo era fatto di terra e silenzio.

Hai aperto le mani
spaccate dal dolore
e mi hai sorriso.
Come quando tutto ha inizio, 
come quando ho visto la luce per la prima volta,
quando ho visto lei
e ho sentito l'odore del sangue, 
all'origine.

Sono qui. Ti aspetto da sempre.
Ero un bambino che correva fino al tramonto, 
poi sono stato un ragazzo dagli occhi lucidi,
ora sono un uomo, 
senza tempo.
Ti dono tutto il mio passato, 
tutto il mio presente.
Il mio futuro ancora non esiste, 
ma guardami,
è qui. 
Sta avvenendo tutto.
E' una storia più grande di noi questa.




Nessun commento:

Posta un commento